Cos’è e Come Funziona il WiFi?

La connessione WiFi si è talmente diffusa nel corso degli ultimi anni che praticamente ogni dispositivo ne prevede l’utilizzo, dai computer a cellulari, tv o set top box.
Il successo di questa tecnologia è derivato dal basso costo di installazione e dalla semplicità d’uso, vediamo insieme di cosa si tratta.

Il WiFi è una tecnica di trasmissione senza fili di segnali digitali, viene utilizzato per la navigazione in internet attraverso diversi dispositivi se è fornito da un router o per collegare due computer se viene utilizzata la modalità bridge.
Nei moderni cellulari è disponibile il tethering cioè si condivide la connessione mobile creando una rete WiFi per quei dispositivi che ne sono sprovvisti.

Il WiFi si è molto diffuso anche grazie all’introduzione delle connessioni ADSL per permettere anche ai computer che non si trovavano nelle immediate vicinanze del modem di potersi collegare ad internet.

I canali

Il WiFi come le altre tecniche di trasmissione di dati wireless utilizza dei canali, in Italia se ne possono usare 13 nella banda a 2,4GHz (la più utilizzata), in America 11 ed in altri paesi 12 o 14, ma a differenza di altri tipi di canali (come quelli radiofonici o televisivi) il loro utilizzo è gratuito e libero, questo porta vantaggi e svantaggi: non si devono chiedere autorizzazioni o pagare tasse per il loro utilizzo, ma al tempo stesso non essendoci limitazioni possono crearsi problemi di interferenza se diversi modem utilizzano lo stesso canale, degradando la qualità e la velocità di connessione: i 13 canali a disposizione sono pochi anche solo in un palazzo con diversi collegamenti ad internet attivi, pensate all’interno di un quartiere i problemi che si possono generare.

Esistono inoltre canali nella banda di frequenza a 5GHz: una frequenza più alta comporta però una maggiore difficoltà a passare muri spessi o compiere grandi distanze.

Solitamente nei modem è possibile settare almeno 4 canali in questa frequenza: il 36, 40, 44 e 48, ma nei nuovi modelli sono presenti altri 4 o 8 canali, rendendo quindi meglio usufruibile questa frequenza.

Standard di funzionamento

I dispositivi WiFi possono funzionare a diverse velocità a seconda della tecnologia utilizzata: 11Mbits per la B, 54Mbits per la G, 300Mbits per la N e 867Mbits per la AC, prestate però attenzione ai dati tecnici: è molto frequente che in realtà dispositivi in classe N non possano raggiungere i 300Mbits ma solo 150Mbits o anche 75Mbits, quindi per raggiungere la velocità massima sia il modem che il vostro computer o cellulare devono supportarla.

Un altro problema della classe N è la compatibilità: i primi dispositivi sono stati venduti anche anni prima dell’effettiva standardizzazione. Questi dispositivi si possono riconoscere dalla sigla “N Draft” e possono presentare problemi di compatibilità con altri che non siano del medesimo costruttore.

Le velocità citate sono quelle massime teoricamente realizzabili, nella realtà la connessione può essere effettuata anche a velocità minori, sia per una questione di risparmio energetico sia per la cattiva qualità o bassa potenza del segnale ricevuto: il computer si può collegare a 48Mbits o 36Mbits ad esempio, invece dei 54Mbits massimi possibili.

La frequenza e la potenza

Il WiFi utilizza le frequenze a ridosso dei 2.4GHz (le stesse dei forni a microonde, che infatti creano disturbi quando sono accesi) mentre per l’UMTS/HSDPA si parla dei 2.1GHz.

Nel caso del WiFi N è possibile utilizzare le frequenze a 5GHz, questo permette di ridurre le interferenze con altri dispositivi WiFi che utilizzano invece le frequenze a 2,4GHz.

Scegliendo un canale a 5GHz la copertura sarà inferiore rispetto alle frequenze a 2,4GHz ma sarà più semplice trovare un canale libero (perché ancora meno utilizzati) , quindi privo di interferenze che ci consentirà di raggiungere la massima velocità. Per utilizzare i canali a 5GHz il nostro modem (o router) deve essere dual band così come la scheda WiFi installata nel nostro cellulare, tablet o computer.

Il WiFi AC utilizza unicamente la frequenza a 5GHz, ma per raggiungere le migliori prestazioni vengono utilizzati ben 4 canali, bastano quindi 2 o 3 modem AC nelle vicinanze per esaurire completamente i canali disponibili in questa frequenza. Se non avete dispositivi AC disabilitate nel modem questa velocità, creereste unicamente interferenze ai vicini.

Come per tutti i segnali radio, si vengono a generare delle “radiazioni” elettromagnetiche, ma che sono di bassa intensità rispetto ad altri dispositivi che utilizziamo giornalmente: la potenza massima consentita per le antenne WiFi è di 100mW (0,1W) mentre per i cellulari si parla di alcuni Watt e di alcune centinaia o migliaia di Watt per gli impianti di trasmissione di radio e TV, quindi se si volesse bandire il WiFi si dovrebbero prima eliminare tante altre onde radio ben più potenti.

Non per questo si deve però sottovalutare il problema e se possibile, è sempre meglio utilizzare una connessione cablata o non tenerlo acceso se non necessario, come ad esempio la notte (molti modem consentono di settare orari di accensione e spegnimento della sola parte WiFi)

Facebook   Twitter   Telegram   YouTube   Newsletter   App Android   Feed RSS

Facebook