Defraggler – Deframmentare gli Hard Disk

Anche oggi vi presentiamo un software gratis utile alla “salute” del vostro PC, parliamo di Defraggler.

Defraggler è un ottimo programma per effettuare la deframmentazione dei dischi, qui trovate il nostro articolo dedicato alla deframmentazione se non ne conoscete il significato, per una spiegazione semplificata invece possiamo pensare che nell’uso quotidiano del computer, i file tendono a frammentarsi e dividersi in varie posizioni del disco; per poter leggere tutti questi frammenti si deve perdere molto tempo: la deframmentazione del disco risulta quindi importantissima per mantenere il proprio computer scattante.

Scaricare Defraggler

Per scaricare Defraggler dovete recarvi in questa pagina di FileHippo (è un sito dove poter scaricare una vasta gamma di  programmi, ed è usato come mirror per i download).

In alto a destra sarà sufficiente cliccare su “Download Lastest Version” per iniziare il download.

Istallazione di Defraggler

Una volta completato il download sarà possibile iniziare l’installazione vera e propria: come prima cosa sarà necessario selezionare la lingua di installazione, ovviamente è presente l’Italiano.

Dopo aver accettato il contratto sarà possibile scegliere la cartella dove Defraggler verrà installato.

Nella finestra successiva vi sarà chiesto se aggiungere le icone del programma e dove.

Consigliamo di deselezionare la casella per l’installazione della toolbar di Yahoo, a meno che non ne siate ovviamente interessati, perché solitamente queste toolbar tendono ad appesantire il browser .

A questo punto l’installazione sarà completata ed è subito possibile usare Defraggler , senza la necessità di riavviare.

Uso di Defraggler

Usare Defraggler è davvero semplicissimo; una volta aperto il programma ci si troverà nella finestra principale: qui è possibile scegliere quale disco analizzare (se ce ne sono presenti più d’uno) e poi deframmentare.

Come prima cosa è quindi necessario selezionare il disco, successivamente è sufficiente cliccare su “Analizza”, dopo pochi secondi verrà visualizzato lo stato di deframmentazione del disco.

Nel nostro esempio il disco analizzato si è rilevato molto deframmentato: infatti i tempi di lettura e scrittura di file erano elevati e il sistema risultava lento in generale.

Per una migliore deframmentazione si consiglia di liberare quanto più spazio possibile, nel nostro caso, i soli 6 giga liberi risultano pochi per un funzionamento ottimale.

Al termine dell’analisi basterà cliccare su “Deframmenta”, e la deframmentazione avrà inizio. La durata dell’operazione dipende dalla capienza del disco e dalla sua frammentazione: possono essere necessari pochi minuti ma anche parecchie ore, se si effettua la deframmentazione regolarmente il processo risulterà sempre abbastanza veloce.

Durante la deframmentazione è consigliabile non utilizzare il pc, al termine vi sarà visualizzata la scheda riassuntiva e sarà possibile chiudere Defraggler.

Quando eseguire la deframmentazione

E’ possibile eseguire la deframmentazione anche una volta alla settimana, ma se questa non fosse necessaria (perché i file non sono frammentati) sarà lo stesso Defraggler ad avvisarvi, ma per i migliori risultati consiglio di effettuarla almeno una volta al mese: il computer sarà così sempre scattante.

Se possedete un disco a stato solito, è altamente sconsigliabile effettuare alcun tipo di deframmentazione: correreste infatti il rischio di rovinare il drive.

Facebook   Twitter   Telegram   YouTube   Newsletter   App Android   Feed RSS

Facebook