Namebench – Testare i DNS

Volete scegliere un server DNS che sia quello più veloce per la vostra connessione? Per farlo potete utilizzare Namebench, una semplicissima utility open-source che testerà i server DNS che utilizzate consigliandovi se conviene mantenerli o cambiarli.

Se non sapete cosa siano i DNS vi invito a leggere l’articolo dedicato: Cosa sono ed a cosa servono i DNS?

Scaricare Namebench

Per scaricare Namebench potete utilizzare la nostra pagina: daticloud.it/download/namebench/

Il file ha un peso di soli 1,31 MB.

In alternativa troverete il file di installazione anche nella pagina ufficiale: code.google.com/archive/p/namebench/

Installazione di Namebench

Non è prevista una vera e propria procedura di installazione, dovrete unicamente cliccare su “Extract” per estrarre tutti i file necessari al funzionamento del programma e poter subito iniziare ad usare Namebench.

Usare Namebench

Prima di avviare il test dovremo settare alcune impostazioni:

1) – Possiamo aggiungere server DNS supplementari da testare, nel nostro caso abbiamo scelto quelli di Cloudflare, 1.1.1.1 e 1.0.0.1 (perché nell’ultima versione del programma questo servizio non era ancora stato creato)
2) – E’ possibile testare i servizi pubblici più comuni, come quelli di Google, OpenDNS e Ultra DNS.

3) – Questo parametro ci permette di scegliere il numero di test da effettuare, più è alto e più il risultato dovrebbe essere accurato (vedremo in seguito il perché di questo nostro “dovrebbe”)

Quando avremo apportato le modifiche volute basterà cliccare su “Start Test” 4).

Dovremo attendere un po’ prima che siano visualizzati i risultati, più alto sarà il valore scelto nel punto 3 e più tempo sarà necessario.

Al termine dei test saranno visualizzati i risultati all’interno del proprio browser, in alto troveremo in riassunto con i tempi di risposta dei diversi servizi ed il consiglio su quello più veloce:

Nel nostro caso viene indicato 1.1.1.1 di Cloudflare.

Più in basso troviamo invece i grafici con i tempi di risposta, prima quelli medi e poi quelli più bassi, con la classifica dei diversi DNS (valori più bassi sono migliori)

Infine potremo vedere i tempi di risposta per arrivare al 100% delle richieste:

Nel caso ideale le linee dovrebbero essere verticali, ma come potete vedere si tratta invece di spezzate: questo perché le risposte non arrivano sempre con lo stesso valore di ping.

Queste differenze sono causate da un’infinità fattori: molte richieste contemporanee al servizio stesso, traffico intenso del provider o il vostro modem che non regge troppe connessioni simultanee etc…

Risulta quindi praticamente impossibile trovare un servizio DNS migliore in valore assoluto: su 4 prove effettuate in momenti diversi della giornata, ho avuto come consiglio quello di utilizzare 4 servizi differenti 🙂

Dalle prove che ho effettuato sia Google che Cloudflare presentano sempre tempi di risposta piuttosto bassi, è quindi possibile settarne uno come server DNS primario ed uno come secondario.

Facebook   Twitter   Telegram   YouTube   Newsletter   App Android   Feed RSS

Facebook